Sono al secondo Retreat con Elisabetta e davvero non ho parole per descrivere ciò che hanno rappresentato per me. Oltre al viaggio nel bellissimo contesto del Retreat e alla scoperta dei luoghi in maniera assolutamente non banale, è il viaggio interiore che si intraprende a lasciare un segno davvero indelebile. Col primo Retreat a Levanzo ho iniziato un percorso intensissimo di riscoperta di me stessa, della mia vera essenza e di ciò che davvero ero in grado di fare e per qualche motivo mi ero preclusa; col secondo Retreat in Marocco ho capito nel profondo che ho un talento e come i limiti che mi ero autoimposta stessero gradualmente diventando inconsistenti. Ho percepito cosa significhi sentirsi parte di un flusso, senza alcun limite, infiniti e indefinibili e questa consapevolezza me la porto ogni giorno nelle mie sfide e nella mia vita. Mi rendo conto ogni giorno che passa di aver acquisito strumenti concreti per migliorarmi e cambiare la mia prospettiva in maniera davvero radicale. E condividere tutto questo con tante altre splendide e potenti donne ha amplificato il tutto e mi ha anche regalato amicizie profonde, rapporti ispiranti, legami che travalicano distanze. Mi scendono lacrime di gioia mentre scrivo perché mai avrei pensato di poter avere tutto questo, decidendo quel giorno del 2017 di iscrivermi a quel misterioso Retreat che avevo preso per una vacanza….. 💖

Rispondi